Parlamento europeo: dal 1 luglio via al green pass Ue

Al fine di facilitare all’interno dell’Unione Europea gli spostamenti, il Parlamento Europeo ha approvato il “green pass” che dovrebbe contribuire anche alla ripresa economica dei varie attività come, ad esempio, il turismo. Dopo che il testo del provvedimento sarà adottato, sia pure formalmente, dal Consiglio e, quindi, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale europea, l’entrata in vigore è prevista a partire dall’1 luglio prossimo. La certificazione sarà rilasciata gratuitamente dalle varie autorità nazionali e disponibile sia in formato digitale che cartaceo tramite codice QR. Il “green pass” attesterà la vaccinazione contro il Covid-19 delle persone oppure l’effettuazione di un test recente negativo od anche la guarigione. L’intero sistema resterà in vigore dall’1 luglio 2021 per 12 mesi e non si potranno imporre restrizioni (come test, autoisolamento e quarantena) ai titolari del certificato: in ogni caso, per salvaguardare la salute pubblica, occorrerà pure fare riferimento ai dati epidemiologici pubblicati dal Centro Europeo per la prevenzione ed il controllo delle malattie (Ecdc). Per permettere ai vari Stati l’acquisto di test digitali per il rilascio dei certificati è previsto uno stanziamento di 100 milioni di euro. La Gran Bretagna, dove la “variante indiana” (ribattezzata recentemente dall’O.M.S. “delta”) continua a mettere ancora paura per l’alto numero di contagi registrato in varie parti del paese; è previsto, infatti, il rinvio dello stop alle varie restrizioni finora adottate, anzi si moltiplicano gli appelli alla massima prudenza da parte del premier Boris Johnson .In Inghilterra, Scozia, Galles ed Irlanda del Nord è stato adottato un sistema di colori verde, giallo e rosso per tutti coloro che provengono da altri paesi. 

RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore dell'articolo: Mimmo Pirracchio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *