Ambrogino d’oro: premio al lavoro di oncologi, chirurghi e biologi

Istituito nel lontano 1925, la Commissione per la Concessione delle Civiche benemerenze del Comune di Milano ha reso noto l’elenco dei premiati con l’Ambrogino d’oro che verranno consegnati il 7 dicembre prossimo in occasione dei festeggiamenti al Patrono della Città, Sant’Ambrogio. Il premio viene conferito “agli uomini e alle donne, alle associazioni e alle organizzazioni che hanno saputo dare un contributo speciale alla città”. Così come avvenuto lo scorso anno con la consegna della medagli d’oro a personalità che hanno operato nel campo della sanità come il dottor Vincenzo Maria Mazzaferro, chirurgo oncologo presso l’istituto Nazionale dei Tumori di Milano, a Fedez e Chiara Ferragni per la raccolta fondi destinata all’apertura di un reparto di terapia intensiva all’Ospedale San Raffaele ed alla ricercatrice oncologica Elisabetta Dejana, anche nel 2021 tra i 40 premiati su 260 segnalazioni vi sono dei sanitari.Accanto a diplomatici, sportivi, campioni paralimpici e personalità varie, troviamo l’oncologo Ermanno Leo che dirige, dal 1998, la struttura di chirurgia colo-rettale dell’istituto Nazionale dei Tumori, la dottoressa Valentina Massa che ha inventato il tampone salivare del Covid-19 per i bambini, docente di biologia applicata presso l’Università Statale di Milano.Tra le medaglie d’oro alla memoria vi è quella a Francesca “Fraintesa” Barbieri, scomparsa a seguito di un tumore al seno ed alla quale la città ha dedicato un murale sulla via Farini nei pressi del Cimitero Monumentale.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore dell'articolo: Mimmo Pirracchio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *